Categories:

4Hopes4Rome sceglie di utilizzare lo schwa (così come potremmo usare @,*, u) come strumento di superamento di due diversi limiti della grammatica italiana:

  • da una parte il binarismo di genere, ovvero la suddivisione esclusiva in maschile e femminile che esclude in automatico alcune soggettività, come per esempio quelle transgender o in generale non binarie,
  • dall’altro il maschile usato come universale, cioè la regola che vorrebbe l’utilizzo del maschile anche nel caso si facesse riferimento a un gruppo di 500 donne ed un solo uomo.

Il dibattito intorno all’utilizzo di questi strumenti è molto ampio e anche molto acceso ma, soprattutto, ha il merito di essere l’unico dibattito che potremmo definire pubblico e largo, al momento, attorno all’utilizzo della nostra lingua.
Si fa un errore quando si pensa alla lingua come una struttura monolitica e non soggetta a cambiamenti perché questa semplicmente non è la realtà.
Per quanto ci riguarda, il processo di cambiamento delle lingue in funzione del superamento del binarismo di genere è inevitabile, ed è inevitabile perché il mondo sta andando nella direzione del superamento di questo binarismo.
Se le lingue non saranno grado di includere anche soggettività non binarie perderanno (momentaneamente) la loro funzione principale perché non saranno più strumenti in grado di descrivere il mondo.

Per lo stesso motivo, abbiamo scelto di compilare un piccolo glossario: parole vecchie e nuove che ci permettono di descrivere tutta ( o quasi) l’ampissima costellazione del possibile in merito a sesso, genere, orientamento sessuale e orientamento romantico.

SESSO  Il sesso è un carattere biologico, determinato alla nascita sulla base di diversi fattori: il patrimonio genetico, gli organi genitali e il quadro ormonale. Si divide in:

  • Femminile
  • Maschile
  • Intersessuale, definizione che si applica a una fascia della popolazione mondiale tra lo 0,05 e l’1,7% e che riguarda sia aspetti ormonali che caratteri sessuali primari o secondari.

IDENTITÀ DI GENERE  Il genere si basa su costrutti sociali, arbitrari e mutevoli nel tempo e nello spazio (ovvero a seconda delle epoche, delle culture, dei paesi). L’identità di genere riguarda il genere in cui noi, nella nostra testa, ci identifichiamo.

  • Se sesso biologico e identità di genere coincidono, sono CISGENDER
  • Se invece sesso biologico e identità di genere non coincidono, sono TRANSGENDER

QUEER  È un termine riassuntivo utilizzato per indicare coloro che non sono eterosessuali, non sono cisgender, che rifiutano la visione binaria del genere (perché non si identifica in nessuno dei due generi considerati canonicamente finora o in entrambi). È un termine della lingua inglese che inizialmente significava “eccentrico”, “insolito”, “peculiare”.

GENDERFLUID  È una persona che percepisce il suo genere in modo fluido, il cui genere cambia attraverso il tempo; un giorno può identificarsi come donna e quello dopo come uomo ad esempio. Possono anche identificarvisi persone agender, bigender o altre identità non binarie.

AGENDER  Un termine ombrello adatti a chiunque voglia sfuggire a una definizione di genere.

ESPRESSIONE DI GENERE  Il modo in cui presentiamo e rappresentiamo il nostro genere, attraverso vestiti, comportamenti, azioni (e qualsiasi espressione di sé) e come tutto ciò viene recepito a seconda dei canoni sui generi.

ORIENTAMENTO ROMANTICO  Definito in base al genere verso cui provi attrazione romantica.

ORIENTAMENTO SESSUALE  Definito in base al genere verso cui provi attrazione sessuale. Orientamento sessuale e orientamento romantico possono combaciare o meno. L’attrazione sessuale è vissuta dalle diverse soggettività in modo diverso e unico, per questo spesso è definita come fluida.

ALLOSESSUALE  Chi prova attrazione sessuale.

ETEROSESSUALE  Chi prova attrazione per persone del genere e del sesso opposto al proprio.

OMOSESSUALE  Chi prova attrazione per persone del genere e del sesso uguale al proprio.

BISESSUALE  Chi prova attrazione sessuale e/o romantica per più di un sesso o un genere; non per forza allo stesso modo (si può provare attrazione sessuale per un genere e romantica per un altro ad esempio), non per forza nello stesso momento né con la stessa intensità (si può essere più attratti da un genere e meno da un altro). La definizione evita di essere troppo precisa per non cadere nel binarismo dei generi e per comprendere uno spettro di identità.

PANSESSUALE  Chi prova attrazione sessuale e/o romantica verso le persone a prescindere dal loro sesso biologico o dalla loro identità di genere. Le persone pansessuali spesso si definiscono gender-blind (cieche, indifferenti verso il genere), perché per loro sesso e genere non sono fattori determinanti nell’attrazione sessuale e/o romantica.

ASESSUALE  È un termine ombrello che definisce chiunque viva l’attrazione sessuale in modo diverso da chi si definisce allosessuale. L’asessualità può essere indicata come la completa assenza di attrazione sessuale (diversa dalla libido, che definisce il desiderio sessuale in generale) verso i diversi generi, la scarsa presenza di attrazione sessuale (ad esempio, greysessualità) oppure anche la presenza di attrazione sessuale solo in determinate condizioni (ad esempio, demisessualità).

LGBTQIAP+  È un acronimo formato dalle iniziali di Lesbian, Gay, Bisexual, Transgender, Queer, Intersexed, Agender e Asexual, Pansexual. Nel tempo la sigla ha visto diverse aggiunte, includendo di volta in volta nuove definizioni.

POLIAMORE  È una dinamica relazionale che prevede la possibilità di avere più relazioni romantiche nello stesso periodo, con più persone. Fondamentale è che tutti le persone coinvolte siano informate della dinamica e siano d’accordo a riguardo.

CATCALLING  L’atto di urlare commenti molesti, sessualmente allusivi, minacciosi o derisori a qualcunə in pubblico, ad esempio per la strada. Non è mai un complimento, ma una dimostrazione di potere.

VICTIM BLAMING  Ovvero “colpevolizzazione della vittima”, l’atto di attribuire alla persona offesa la colpa della violenza subita, generalmente di una molestia sessuale o di uno stupro, adducendo come motivazione qualche aspetto del suo comportamento o del suo essere.

Per qualsiasi dubbio, segnalazione di errori, confronto o domande scriveteci senza problemi!

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *